Ken Follett e la Storia

Salve a tutti, oggi vorrei parlare di un altro autore che amo particolarmente, anche se l’ho scoperto da neanche un annetto, ovvero Ken Follett. Per onor di cronaca, devo dire che mi riferirò principalmente alle sue opere di matrice storica, anche se ho letto altri due suoi libri di genere thriller, ovvero “Sulle ali delle aquile” (che, a onor del vero, parla di un attacco all’ambasciata americana a Teheran realmente avvenuto, quindi può collocarsi anche in ambito storico) ed “Il terzo gemello”, ma non mi sono piaciuti particolarmente, quindi li ignorerò. Il primo libro di Follett che ho letto è “I pilastri della Terra”; avevo visto con un’amico le trasposizioni televisive del suddetto libro e de “Il mondo senza fine”, che si può definire un suo seguito, e, spinta dalla curiosità, ho comprato anche i libri. Il primo è ambientato nel dodicesimo secolo, ed il secondo nel quattordicesimo, in una cittadina inglese fittizia, chiamata Kingsbridge. L’azione si svolge tutta intorno alla cattedrale del paese, che all’inizio del primo romanzo deve ancora essere costruita, con il contorno storico-sociale dell’epoca, comprese guerre dinastiche, politica della Chiesa, modi di vivere e problematiche del tempo, come per esempio la comparsa della Morte Nera, che si diffonde nel secondo romanzo. Questa estate ho invece letto “The Century Trilogy”, ovvero una trilogia (ma va?) nella quale vengono magistralmente messi in mostra i cambiamenti avvenuti nel mondo nel periodo della Grande Guerra (primo libro, “La caduta dei giganti”), della Seconda Guerra Mondiale (secondo romanzo, “L’inverno del mondo”) e del periodo che va dagli anni ’50 alla caduta del Muro di Berlino (terzo ed ultimo libro, “I giorni dell’eternità).

In tutte le suddette opere, il vero punto forte sono i personaggi, che mostrano tutte le sfaccettature della psiche umana; non sono tutti eroi ed eroine, ma anzi, dimostrano come in ognuno di noi ci siano lati negativi e positivi, che spesso coesistono. Il ritmo è tuttavia abbastanza lento, dato che l’autore intende evidentemente soffermarsi principalmente sullo sviluppo dei suddetti personaggi e sull’atmosfera storica, ma io apprezzo molto le descrizioni, quindi non mi ha dato affatto fastidio. L’unica pecca, se vogliamo trovarne una, è che alcuni dei personaggi vissuti in un’epoca posteriore assomigliano molto ad altri presentati in un libro precedente, anche se questo si può imputare magari alla parentela. In complesso, questi sono libri assolutamente necessari per chiunque ami la storia, e non si spaventi per opere massicce ed abbastanza impegnative dal punto di vista del ritmo. In ogni caso, il mio preferito in assoluto rimane “I pilastri della Terra”; i personaggi di Jack ed Aliena sono tra quelli che amo di più in generale!

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...